Alla scoperta di Gran Canaria: cosa fare e che cosa vedere

A poco più di 200 km dalla costa africana si trova il continente in miniatura: così è comunemente definita Gran Canaria, un’isola di origine vulcanica con una sorprendente varietà paesaggistica e climatica, appartanente all’arcipelago delle Canarie.

Gran Canaria: un caleidoscopio di paesaggi unici al mondo

In questa isola è facile passare da spiagge mozzafiato, come Playa del Ingles e Playa de Amadores che si affacciano su un mare cristallino, ai crateri vulcanici dall’aria lunare, dai porticcioli alle dune di sabbia di Maspalomas, dalla tipica vegetazione tropicale dell’entroterra, con centinaia di piante tipiche, alle cime montuose e, a volte innevate, de La Cumbre o Pico de la Nieves.

Le migliori spiagge di Gran Canaria

Una delle spiagge più famose di Gran Canaria è sicuramente quella di Las Canteras (nella città di Las Palmas) famosa per essere la spiaggia cittadina più grande d’Europa, con il suo lungomare chilometrico.

In generale, Gran Canaria è un’isola piuttosto turistica, molto soleggiata con poche piogge al sud: non a caso qui, dove ci sono le più belle spiagge, sorgono le principali strutture turistiche, tutte di recente costruzione: Montana de Arena (in voga tra i nudisti) Playa de Amadores, Anfi del Mar rappresentano al meglio questo tipo di turismo balneare,

Ma c’è spazio anche per chi volesse provare qualcosa di meno turistico e più naturale: sono imperdibili e altamente consigliate da visitare le spiagge selvagge di Guigui Chico e Playa de Guigui. Queste località sono raggiungibili solo in barca, o nel caso di Playa de Guigui, con una lunga camminata di circa quattro ore: ma fidatevi, ne vale assolutamente la pena.

Spiagge ma anche parchi naturalistici come il Palmitos Park, dedicato all’ornitologia, che ospita anche orchidee, un acquario con degli splendidi delfini  e la casa delle farfalle.

Spiaggia selvaggia di Guigui a Gran Canaria

La meravigliosa e selvaggia spiaggia di Guigui

Non solo mare: montagne e colline di Gran Canaria, tra mistiche rocce monolitiche e Cuevas

Posizionata al centro dell’isola, c’è La Cruz de Tejeda, una croce di pietra a 1580 mt di altezza che offre una vista spettacolare sul paesaggio sottostante: addirittura tra le nuvole è possibile osservare ben visibile il vulcano Teide, che si trova sull’isola di Tenerife.

Tra i monumenti naturali dell’isola c’è Pico De Las Nieves (la vetta più alta), il Roque Nublo e Roque Bentayga, entrambi luoghi di culto per gli antichi aborigeni dell’isola, i guanci. Proprio vicino alla Roque Bentayga, tra rosse rocce e pini canari, si trovano grotte e luoghi di sepoltura degli antichi abitanti dell’isola, come Las Cuevas del Rey : alla base di questa formazione rocciosa è possibile trovare l’Almogaren di Bentayga, luogo di culto aborigeno.

Per gli amanti della natura, è assolutamente imperdibile il Parco Tamadaba, a nord-ovest, ricco di gole tra foreste, con piante endemiche tra cui il Cedro canario.

Pico de Las Nieves a Gran Canaria

Tramonto mozzafiato a Pico de Las Nieves, la vetta più alta di Gran Canaria

I Caminos Reales di Gran Canaria

Per gli amanti del trekking e delle lunghe camminate, Gran Canaria ha tanto da offrire: è un’isola unica nel suo genere in quanto, a parte una superstrada, il resto sono tutti caminos reales, cioè strade di montagne da percorrere a piedi. Noto il cammino di Santiago che unisce il sud al nord: da Maspalomas, con le sue splendide dune di sabbia del Sahara, solcabili anche in cammello e con l’omonimo Faro del 1886, al nord fino al Galdar, una città dal passato regale il cui parco archeologico di Cueva Pintada ne è la dimostrazione.

Las Palmas de Gran Canaria: la capitale dell’isola

Situata nella costa nord-est, Las Palmas è il capoluogo dell’isola di Gran Canaria e una delle due capitali di tutto l’arcipelago e della provincia autonoma delle Canarie. Sicuramente è da c

Sopra vi abbiamo già parlato della bellezza della spiaggia cittadina di Las Canteras, sempre viva e affollata praticamente tutto l’anno

con il suo quartiere storico “Vegueta”, tra strade di pietra e case dai tipici balconi lignei dove è possibile imbattersi nella Cattedrale di Santa Ana, la Casa Reale e il Museo di Cristoforo Colombo.

lungomare di Las Canteras a Las Palmas

La spiaggia cittadina di Las Canteras: sullo sfondo l’Auditorium.

Altri paesi e borghi caratteristici di Gran Canaria

Ad eccezion fatta di Las Palmas, non esistono grandissimi centri urbani, tuttavia ci sono tanti splendidi borghi nell’isola di Gran Canaria come:

  • Agaete, bianco villaggio circondato da ricca vegetazione tropicale che si affaccia sulla costa ovest dell’isola: consigliatissima la Playa de las Salinas de Agaete, con le sue piscine naturali.
  • Arucas, splendido borgo in cui si può visitare la Fabbrica di Rum più antica d’Europa,  in cui si produce il rum Arehucas, tutti i giorni dal lunedì al venerdì: il prodotto più tipico, è sicuramente il Ron y Miel, il Rum al Miele che sicuramente avrete modo di assaggiare in quest’isola (in tantissimi ristoranti di Gran Canaria, viene quasi sempre offerto un bicchiere di questo famigerato Rum a fine pasto).
  • Santa Lucia, dove meritano una visita La Iglesia de Santa Lucia, del 1898, con la cupola simil moschea, e la leggendaria Fortaleza Grande, ultimo baluardo dei guanche.
  • Aguimes, con stradine medioevali e la Parroquia de San Sebastian, patrimonio storico culturale.
  • Vecindario, cittadina al sud dell’isola famosa per la sua spiaggia, Pozo Izquerdo meta mondiale del windsurf.
  • La città di Teror, al cui ingresso sorge la Fuente Agria, è meta di pellegrinaggio per la settecentesca Basilica della Vergine del Pino, patrona dell’isola.

 

2 Comments - Aggiungi Commento

Rispondi